Lavoro

Immagine sul lavoro

Pordenone Capitale del lavoro

Il lavoro è ciò che ha distinto e distingue la nostra città e il nostro territorio.

Pordenone è chiamata a creare e incentivare la creazione di nuove tipologie di lavoro e a farlo in modo sostenibile, diventando parte attiva e regia di un nuovo modo di intendere la formazione in città. Ci attiveremo per far diventare il Comune protagonista nell’ambito del mercato del lavoro e delle relazioni con i soggetti produttivi.

Come?

  • Inseriremo negli obiettivi del nostro Statuto comunale:
    • la promozione di azioni a sostegno dell’occupazione in generale, delle categorie più deboli, dei giovani o dello sviluppo imprenditoriale;
    • l’accrescimento delle capacità professionali;
    • il più ampio confronto con le organizzazioni sindacali dei lavoratori e con le associazioni degli imprenditori per definire gli indirizzi fondamentali in campo economico e sociale, per concordare iniziative volte alla salvaguardia ed al consolidamento dell’economia e dell’occupazione in città.
  • Istituiremo un Patto per il Lavoro con lo scopo di sottoscrivere intese tra Comune e parti sociali:
    • per regolazione del mercato del lavoro in termini di flessibilità, efficienza e innovazione;
    • per stabilire delle consultazioni preventive in alcune aree di competenza comunale come il welfare, ambiente e qualità della vita, politiche per lo sviluppo economico e per il bilancio di previsione;
    • per costituire tavoli permanenti per il confronto su aziende controllate/partecipate, politiche del lavoro, infrastrutture.
  • In collaborazione con la Regione promuoveremo:
    • le pari opportunità lavorative;
    • l’inserimento e il reinserimento delle persone con disabilità;
    • la conciliazione dei tempi di famiglia, di vita e lavoro;
  • Favoriremo l’incrocio tra le iniziative dei Centri per l’Impiego e i Servizi Sociali anche attraverso bandi specifici per Lavori di Pubblica Utilità soprattutto per sostenere la rioccupazione degli over 50 meno scolarizzati, in modo da mantenerli all’interno del contesto lavorativo e di una interazione sociale positiva.
  • Potenzieremo e rinnoveremo rinnovare le strutture per i più giovani in modo da offrire servizi di orientamento e counselling, creando sinergie tra i vari punti informagiovani della Regione per acquisire i dati sull’occupazione e la scolarità giovanile, in modo da poter offrire interventi formativi e professionalizzanti mirati.
  • Promuoveremo delle politiche attive del lavoro con il compito di erogare servizi di intermediazione, oppure di ricerca e selezione del personale e supporto alla ricollocazione professionale attraverso l’iscrizione all’albo regionale delle agenzie del lavoro.
  • Diventeremo un modello per il territorio in termini di regolamentazione dello smartworking.